PARCO REGIONALE DEI CASTELLI ROMANI

Il Parco regionale dei Castelli Romani, è stato istituito con Legge regionale n. 2/ 13 gennaio 1984 allo scopo di tutelare l’integrità delle caratteristiche naturali e culturali dei quindici paesi che occupano l’antico Vulcano Laziale e per contribuire inoltre al riequilibrio territoriale ed allo sviluppo socio-economico delle popolazioni interessate.

Il lago di Albano, panoramica. Sullo sfondo Castel Gandolfo, e oltre, Roma.

 

Dopo una prima fase che ha portato l’Ente a strutturarsi con servizi di vigilanza, tutela, didattica ambientale e promozione, con l’approvazione della Legge Regionale 29/97 sui Parchi si è certamente ottenuto un ruolo più incisivo sul territorio non solo come forma di tutela ma anche come opportunità lavorative compatibili.

Foto (destra): Il teatro romano del Tuscolo

La funzione principale di un’area protetta è mantenere l’equilibrio ambientale del territorio cercando di aumentarne la biodiversità. Dopo l’istituzione del Parco e conseguente controllo dell’area protetta si sono ottenuti numerosi risultati in campo faunistico con il ritorno di varie specie che si erano allontanate dai Colli Albani.

Visitate il sito del Parco Regionale dei Castelli Romani. 

Homepage: difesa ambiente Appia / Difesa antica Bovillae / Legambiente Lazio / Circolo Legambiente "Il Riccio" / Parco Regionale Appia Antica

Parco Regioniale Castelli Romani